Calcio, Euro 2012: tra polemiche, mattanza di cani…

Crudo editoriale di Marco Platania per itasportpress. sulle tante storture che fanno da sfondo indecoroso ai paesi organizzatori dei prossimi campionati europei di calcio: Polonia e Ucraina:

Le Polemiche. Euro 2012 è costata tantissimo in termini economici ai due paesi organizzatori: Ucraina e Polonia. Gli investimenti su infrastrutture e impianti sportivi sono lievitati come da prassi suscitando la critica sia dei governi coinvolti che dell'Uefa e, come se non bastasse, è calata sul finire del 2010 l'ombra sospettosa della corruzione per l'assegnazione della manifestazione all'Ucraina, poi archiviata e insabbiata per scongiurare pericolosi ribaltoni ai vertici.

La Mattanza. Alle polemiche "fisiologiche", legate al mero ambito degli affari, s'è aggiunta la bestialità umana. A Kyiv come a Leopoli, a Donetsk come a Dniproptrovsk, è soprattutto nelle città ucraine che ospitano l'Europeo che il destino per i cagnolini locali si tinge di nero: uccisi chi con un proiettile, chi col veleno, chi narcotizzato e gettato nelle fosse comuni, chi arso nei forni crematori mobili. La "giustificazione" dei governi locali, è a dir poco irritante: "arrecano fastidio ai turisti". Il randagismo è senza dubbio un fenomeno di vastissime proporzioni, anche in Italia; in Ucraina è diffusissimo e il governo ha deciso di risolvere la questione nel modo più vigliacco. Un Paese che ospita la seconda kermesse calcistica più importante al mondo, non può permettersi di contravvenire ai principi dello sport, che è prima d'ogni cosa, vita.

Il turismo sessuale Tra le altre decine di problematiche sociali emerse dall'organizzazione di Euro 2012 in Ucraina e Polonia, colpisce soprattutto il timore dell'associazione ucraina di femministe "Femen", che tutelano i diritti delle donne. Il turismo sessuale rischia una pericolosa impennata durante il Campionato Europeo e l'associazione non ci sta. L'Ucraina ha il più alto tasso d'Europa di malati di HIV. Il fenomeno della prostituzione, soprattutto giovanile, rappresenta una piaga sociale molto diffusa in Ucraina come in altri paesi dell'est. Il timore è che le migliaia di tifosi provenienti da mezza Europa possano contribuire ad aumentare il giro d'affari ed il rischio dell'incremento esponenziale dei malati di AIDS, così come accadde ai Giochi Olimpici di Grecia 2004 e, successivamente ai Mondiali di calcio in Sudafrica nel 2010.

La proposta. Uccidere cani e alimentare il sesso a pagamento è deleterio; a fermare la bestialità umana non basterà un pallone ma boicottare gli europei significherebbe ammettere la vittoria schiacciante della cattiveria sui valori più sani dello sport. Sarebbe davvero nobile giocare con il lutto al braccio fino alla finale per ricordare le vittime innocenti di Euro 2012: i cani. E che lo facciano tutte le 16 partecipanti al torneo. Ucraina in primis.
 

Via: napolimagazine.com.cn


Short link: [Facebook] [Twitter] [Email] Copy - http://whoel.se/~f6PQe$12h

This entry was posted in IT and tagged on by .

About FEMEN

The mission of the "FEMEN" movement is to create the most favourable conditions for the young women to join up into a social group with the general idea of the mutual support and social responsibility, helping to reveal the talents of each member of the movement.

Leave a Reply