Category Archives: IT

Amina Sboui, piccole blogger crescono

C’era una volta Amina, la blogger tunisina diciassettenne che il primo marzo di due anni fa colpì al cuore con la sua foto a seno nudo con su scritto «Il mio corpo mi appartiene». Minacciata dai fondamentalisti islamici, segregata in casa dalla famiglia, arrestata e incarcerata per aver scritto “Femen” su un muro. Quella che sta girando l’Italia in questi giorni per promuovere il libro che porta proprio quel titolo (pubblicato in Italia da Giunti), è una giovana donna, Amina Sboui, 20 anni compiuti da poco, che è riuscita a sottrarsi al destino >>>

Puoi essere femminista e posare nuda, dicono gli uomini – West

È possibile per una donna essere femminista e posare in topless per giornali e TV? Un dibattito battezzato dalle Femen, appena riaperto da un sondaggio YouGov. Che ha chiesto agli inglesi di “mettersi a nudo” sulla spinosa questione, rivelando il proprio parere. Aperti di vedute gli uomini. Che, stando agli esiti del survey, hanno dato il loro benestare nel 63% dei casi. Più divise, invece, le donne. Fiduciose nel femminismo delle donne a seni scoperti solo nel 40%. Diametralmente contrarie nel 38%. Quali ragioni si celano dietro questo ennesimo “gender divide”? A rendere >>>

‘Il mio corpo mi appartiene’: Amina, una ribelle per la libertà

L'idealismo ribelle al tempo di Facebook entra nella storia ai primi di marzo del 2013 quando Amina Sboui, liceale tunisina diciottenne, posta una foto a seno nudo con la scritta, in arabo, Il mio corpo mi appartiene. Mentre il messaggio fa il giro del mondo, scoperchiando fragorosamente un tabù del mondo islamico, un uragano investe la sua vita. Il memoriale di Amina, pubblicato nel 2014 a Parigi con la collaborazione di Caroline Glorion, esce ora in Italia in un momento storico particolarmente drammatico.Il >>>

Attivista Femen tedesca inneggia al massacro di Dresda

Berlino 24 gen – La storia si ripete. Molto spesso – come diceva Marx – sotto forma di farsa. Dopo circa un anno, infatti, le Femen replicano il loro gesto eclatante in occasione dell’anniversario del bombardamento di Dresda, allorché il collettivo antifascista aveva glorificato “Bomber Harris”, responsabile del massacro di centinaia di migliaia di civili inermi. Autrice del gesto è ancora una volta tale Mercedes Reichstein, attivista 23enne delle Femen nonché esponente del Partito Pirata tedesco.Un tweet della Reichstein, postato giorni fa sul suo profilo e rilanciato recentemente >>>

Attivista Femen tedesca inneggia a “Bomber Harris” e al massacro …

Berlino 24 gen – La storia si ripete. Molto spesso – come diceva Marx – sotto forma di farsa. Dopo circa un anno, infatti, le Femen replicano il loro gesto eclatante in occasione dell’anniversario del bombardamento di Dresda, allorché il collettivo antifascista aveva glorificato “Bomber Harris”, responsabile del massacro di centinaia di migliaia di civili inermi. Autrice del gesto è ancora una volta tale Mercedes Reichstein, attivista 23enne delle Femen nonché esponente del Partito Pirata tedesco. Un tweet della Reichstein, postato giorni fa sul suo profilo e rilanciato >>>

"Così Amina Sboui è entrata nel mio obiettivo"

di Laura Cervellione 23 gennaio 2015Sarà che l'impatto politico-sociale delle Femen è tutto giocato sulla forza dell'immagine, ma Amina Sboui forse non sarebbe stata altrettanto esplosiva senza i fotografi che l'hanno seguita e immortalata nei momenti cruciali, unendosi materialmente alla sua battaglia. La fotoreporter di Ivrea Cristina Mastrandrea, diplomata all'Istituto superiore di fotografia di Roma e collaboratrice freelance per varie testate - Rainews, D di Repubblica, il Manifesto -, attiva su vari fronti di lotte di liberazione femminile, dalla Palestina al Messico, ha seguito da vicino >>>

Femen in azione a Davos: a seno nudo contro il World Economic …

Sfida il freddo l'attivista Femen che a seno nudo viene portata via dagli agenti di sicurezza svizzeri. La donna ha scelto Davos per la sua protesta in occasione del World Economic Forum in corso fino al 24 gennaio. Dalle immagini che la ritraggono è possibile soltanto leggere un cartello che la manifestante aveva in mano - prima di essere bloccata e allontanata - con su scritto: «Keep your coins. Give me change».

Via: rainews.it

Così Amina è entrata nel mio obiettivo. La Femen tunisina negli …

Amina Sboui forse non sarebbe stata altrettanto esplosiva senza i fotografi che l'hanno seguita e immortalata nei momenti cruciali, unendosi materialmente alla sua battaglia. La fotoreporter di Ivrea Cristina Mastrandrea, diplomata all'Istituto superiore di fotografia di Roma e collaboratrice freelance per varie testate - Rainews, D di Repubblica, il Manifesto -, attiva su vari fronti di lotte di liberazione femminile, dalla Palestina al Messico, ha seguito da vicino la giovane Femen tunisina. Pubblichiamo alcuni suoi scatti.

Via: rainews.it