Category Archives: IT

Attivista Femen tedesca inneggia a “Bomber Harris” e al massacro …

Berlino 24 gen – La storia si ripete. Molto spesso – come diceva Marx – sotto forma di farsa. Dopo circa un anno, infatti, le Femen replicano il loro gesto eclatante in occasione dell’anniversario del bombardamento di Dresda, allorché il collettivo antifascista aveva glorificato “Bomber Harris”, responsabile del massacro di centinaia di migliaia di civili inermi. Autrice del gesto è ancora una volta tale Mercedes Reichstein, attivista 23enne delle Femen nonché esponente del Partito Pirata tedesco. Un tweet della Reichstein, postato giorni fa sul suo profilo e rilanciato >>>

"Così Amina Sboui è entrata nel mio obiettivo"

di Laura Cervellione 23 gennaio 2015Sarà che l'impatto politico-sociale delle Femen è tutto giocato sulla forza dell'immagine, ma Amina Sboui forse non sarebbe stata altrettanto esplosiva senza i fotografi che l'hanno seguita e immortalata nei momenti cruciali, unendosi materialmente alla sua battaglia. La fotoreporter di Ivrea Cristina Mastrandrea, diplomata all'Istituto superiore di fotografia di Roma e collaboratrice freelance per varie testate - Rainews, D di Repubblica, il Manifesto -, attiva su vari fronti di lotte di liberazione femminile, dalla Palestina al Messico, ha seguito da vicino >>>

Femen in azione a Davos: a seno nudo contro il World Economic …

Sfida il freddo l'attivista Femen che a seno nudo viene portata via dagli agenti di sicurezza svizzeri. La donna ha scelto Davos per la sua protesta in occasione del World Economic Forum in corso fino al 24 gennaio. Dalle immagini che la ritraggono è possibile soltanto leggere un cartello che la manifestante aveva in mano - prima di essere bloccata e allontanata - con su scritto: «Keep your coins. Give me change».

Via: rainews.it

Così Amina è entrata nel mio obiettivo. La Femen tunisina negli …

Amina Sboui forse non sarebbe stata altrettanto esplosiva senza i fotografi che l'hanno seguita e immortalata nei momenti cruciali, unendosi materialmente alla sua battaglia. La fotoreporter di Ivrea Cristina Mastrandrea, diplomata all'Istituto superiore di fotografia di Roma e collaboratrice freelance per varie testate - Rainews, D di Repubblica, il Manifesto -, attiva su vari fronti di lotte di liberazione femminile, dalla Palestina al Messico, ha seguito da vicino la giovane Femen tunisina. Pubblichiamo alcuni suoi scatti.

Via: rainews.it

Amina Sboui sabato sera da Cossavella

IVREA. Sabato 24 gennaio, ore 21, da Cossavella, in corso Cavour, Amina Sboui, la ragazza tunisina che si era mostrata a seno nudo ed era stata arrestata dopo aver aderito a Femen racconterà la sua storia. Sarà intervistata da Cristina Mastrandrea, fotogiornalista che ha raccontato fin dall’inizio la vicenda. Amina presenterà anche il suo libro Il mio corpo mi appartiene, di Giunti editore. La foto di Amina Sboui a seno nudo ha fatto il giro del mondo. Una ragazza tunisina si mostra così, con un messaggio tatuato sul corpo: "Il >>>

“Contro il terrorismo bisogna riscrivere il Corano”

Ora è libera, a Parigi, non più perseguitata dalla sua famiglia, anche se sulla sua testa c’è ancora la fatwa emessa dopo un’intervista alla tv tunisina che la condanna alla lapidazione. Amina Sboui Tyler, la diciottenne tunisina che all’indomani della primavera araba ha postato su Facebook foto a seno nudo contro l’oppressione del regime islamico, vive a Parigi e presenta a Roma alla Casa internazionale delle donne il suo libro “Il mio corpo mi appartiene”, tradotto in Italia da Giunti. Sta finendo il liceo e poi è decisa ad andare all’università «scienze politiche, filosofia >>>

Amina: "L’Islam deve integrarsi con il ventunesimo secolo"

La blogger tunisina, nota per le sue sfide alla società tradizionalista islamica, ha presentato a Roma, nella Casa internazionale delle donne, la sua autobiografia "Il mio corpo mi appartiene". "La religione è una cosa privata che ognuno deve vivere dentro di sé", ha spiegato. Parlando della Tunisia, Amina è stata molto critica sull'intesa fra il partito di ispirazione laica e quello religioso: "Un tradimento", l'ha definito l'ex Femen(video di Francesco Cocco)

Via: bresciaoggi.it

“Il mio corpo mi appartiene”: ecco il libro di Amina

Prima è stata segregata in casa, poi imprigionata per l’adesione alle Femen (movimento femminista di protesta ucraino), successivamente abbandonate. Amina […] Prima è stata segregata in casa, poi imprigionata per l’adesione alle Femen (movimento femminista di protesta ucraino), successivamente abbandonate. Amina Sboui, classe 1994, ha tatuato sul corpo la scritta “Il mio corpo mi appartiene”. E proprio questa stessa frase è anche il titolo del libro edito da Giunti che Amina, la giovane blogger tunisina, simbolo della rivolta femminile nei paesi arabi, presenterà >>>