Guerrilla Girls: le antesignane di Pussy Riot e Femen si raccontano …

Le Pussy Riot e le Femen erano bambine o dovevano ancora nascere quando queste donne, alla metà degli Anni ‘80, hanno iniziato a indossare la maschera per protestare contro le discriminazioni. Il loro vezzo è celarsi dietro uno pseudonimo femminile rubato al mondo dell’arte e della letteratura. Sono le Guerrilla Girls e si raccontano, in esclusiva, nel numero di dicembre di Amica, in edicola domani giovedì 21 novembre (anche su www.amica.it). Appaiono come strani esemplari di gorilla (gonna, fuseaux e décolletée, total black, sotto mascheroni di pelo) con il nome di Frida Kahlo, Käthe Kollwitz, Gertrude Stein… e lo fanno, raccontano, perché “le maschere ci permettono l’anonimato. Temiamo che persone di potere possano rovinarci la carriera”. Non insultano, non attaccano, non sono politically incorrect: “Vogliamo che vinca la meritocrazia e che cambi la mentalità e lo facciamo divertendo. L’humour serve, oltre che a mettere in ridicolo coloro che ci vogliono estromettere, anche a dimostrare che le femministe possono essere persino spiritose.” In questo momento sono in corso due mostre con i loro lavori: Guerrilla Girls 1985-2013, fino al 6 gennaio 2014 all’AlhóndigaBilbao di Bilbao; Art Turning Left: How Values Changed Making 1789–2013, fino al 2 febbraio 2014, alla Tate di Liverpool.

Via: ilvelino.it


Short link: [Facebook] [Twitter] [Email] Copy - http://whoel.se/~DmMse$4T8

This entry was posted in IT and tagged on by .

About FEMEN

The mission of the "FEMEN" movement is to create the most favourable conditions for the young women to join up into a social group with the general idea of the mutual support and social responsibility, helping to reveal the talents of each member of the movement.

Leave a Reply