«In Tunisia vi taglieremo i seni» Hackerato il sito di Femen

«Vi taglieremo i seni». È la minaccia che è comparsa venerdì 29 marzo sul sito di Femen, il movimento per i diritti delle donne che ha fatto della protesta a petto nudo il suo marchio di fabbrica.

In Tunisia vi taglieremo i seni  Hackerato il sito di Femen

Campeggia una maschera di V per Vendetta, come quelle di Anonymous ma con un turbante in testa. E sotto il messaggio d'odio, in inglese sgrammaticato: «Sporche maiale! Nessuno vi scopa nemmeno i vostri uomini! Venite qui in Tunisia! Vi taglieremo i seni e li daremo da mangiare ai nostri cani! Puttane. Prostitute di Israele!».

L'attacco hacker al sito (il secondo, dopo quello al profilo Facebook di Femen Tunisia, sommerso da video con la recitazione di sure del Corano) segue di pochi giorni la scomparsa di Amina Tyler, 19enne tunisina che aveva postato alcune sue foto a seno nudo per protestare contro l'Islam più radicale. Di lei non si hanno più notizie, c'è chi dice che sia stata rinchiusa in un ospedale psichiatrico.

Proprio per chiederne a gran voce la liberazione, e per combattere per i diritti delle donne nei paesi musulmani, il gruppo aveva lanciato nei giorni scorsi la campagna «Jihad a seno nudo». Una raccolta di foto delle sostenitrici, il culmine dovrebbe essere il 4 aprile con la manifestazione Topless Jihad Day sotto le ambasciate tunisine di mezzo mondo.

Quella che le organizzatrici hanno in mente è una specia di nuova «primavera araba» ma tutta al femminile. E non hanno intenzione di farsi intimidire dagli hacker: «Femen informa i suoi avversari islamici dell'inutilità dei loro tentativi di ritardare una nuova rivoluzione. Non è la primavera araba, ma quella delle donne, che diventerà fonte di vita e di democrazia per liberare la Tunisia e l'Africa del Nord».

LEGGI ANCHE:
Dov'è ora Amina?

Cosa ne pensi?

Ultimi Articoli_

28 MARZO ‘13 

Oscar Pistorius libero
di viaggiare all'estero

Il giudice accoglie la richiesta della difesa contro le condizioni per la libertà su cauzione

di Francesca Bussi


28 MARZO ‘13 

Cina, aborto forzato al 7°mese
padre protesta mettendo la foto online

La «politica del figlio unico» colpisce ancora: il bambino è stato abortito con un’iniezione letale

di Redazione


28 MARZO ‘13 

Brasile, così «la dottoressa morte»
uccideva i pazienti: 300 le vittime?

Prima, un'iniezione. Poi, la riduzione d'ossigeno. «Voleva essere Dio», racconta un infermiere del reparto di cui Virginia Soares de Souza, 56 anni, era a capo. Accusata di 7 morti, è sospettata di averne ammazzati molti di più. «Per liberare i letti»

di Redazione


26 MARZO ‘13 

Stati Uniti, scomparsa fiala di virus mortale

Un campione di guanarito, responsabile della febbre emorragica, mancherebbe all'appello. Ma le autorità invitano alla calma

di Francesca Bussi


25 MARZO ‘13 

«Roman Abramovich
fermato negli Stati Uniti»

Il miliardario russo sarebbe stato fermato dall'Fbi, nessuna conferma ufficiale

di Redazione


Via: vanityfair.it


Short link: [Facebook] [Twitter] [Email] Copy - http://whoel.se/~J3vWF$2UQ

This entry was posted in IT and tagged on by .

About FEMEN

The mission of the "FEMEN" movement is to create the most favourable conditions for the young women to join up into a social group with the general idea of the mutual support and social responsibility, helping to reveal the talents of each member of the movement.

Leave a Reply