Parigi, attiviste di Femen protestano a seno nudo contro il Papa

Parigi, attiviste di Femen protestano a seno nudo contro il Papa.

La notizia delle dimissioni di Papa Benedetto XVI hanno scosso il mondo della chiesa e non solo, scatenando reazioni diverse. Una delle più eclatanti è la protesta messa in atto da otto donne appartenenti al movimento delle Femen. Con un blitz si sono introdotte nella cattedrale di Notre Dame e hanno urlato slogan contro il pontefice.

A seno nudo, al grido di “Pope no more” (mai più un Papa) hanno celebrato le dimissioni della più alta carica della chiesa cattolica. La provocazione nasce dalla posizione della Chiesa sul matrimonio omosessuale. “Siamo qui per provocare una reazione, e qui la gente è semplicemente scioccata invece di comprendere davvero il messaggio che vogliamo far passare” racconta una delle attiviste che ha preso parte alla protesta. “Su questo tema per noi la religione è un problema, la figura del Papa è un problema, le istituzioni religiose sono un problema, e noi vorremmo che cambiassero la loro mentalità. Si parla molto del nuovo Papa, ma io vorrei che si trattasse di un Papa nuovo”. La protesta non è però piaciuta ai turisti che hanno espresso approvazione per i diritti dei gay, ma hanno lamentato modi più rispettosi per chiederli.

Il movimento Femen è nato in Ucraina nel 2008, ed è diventato famoso in tutto il mondo per le proteste attuate contro le discriminazioni sociali e il sessismo. Topless e scritte di denuncia sul corpo sono i segni distintivi delle attiviste del movimento. La maggior parte delle donne che ne fa parte hanno tra i 18 e i 22 anni.

Via: donna.fanpage.it


Short link: [Facebook] [Twitter] [Email] Copy - http://whoel.se/~Nq7ci$2GP

This entry was posted in IT and tagged on by .

About FEMEN

The mission of the "FEMEN" movement is to create the most favourable conditions for the young women to join up into a social group with the general idea of the mutual support and social responsibility, helping to reveal the talents of each member of the movement.

Leave a Reply