Tunisia: Amina in tribunale per diffamazione, ”Siamo donne libere”

(ASCA) - Roma, 22 lug - Amina Sboui, l'attivista tunisina del
gruppo Femen attualmente in carcere, e' comparsa oggi in
tribunale per le accuse di oltraggio e diffamazione nei
confronti di alcuni funzionari della prigione nella quale e'
detenuta da due mesi, dopo avere denunciato di avere subito
dei maltrattamenti.
Sboui, 19 anni, si era messa in evidenza lo scorso marzo
quando aveva messo online alcune sue foto in topless, con
scritte addosso frasi come ''Il mio corpo appartiene a me'' e
''Si fotta la vostra morale''. Era stata arrestata due mesi
dopo per aver scritto la parola Femen su un muro di cinta di
un cimitero di Kairouan, citta' del centro della Tunisia.
Amina era vestita con un t-shirt rosa che faceva vedere un
tatuaggio sul braccio, mentre un'altra imputata, Rabiaa,
indossava il safsari, tradizionale velo tunisino.
''Dovrebbero essere i torturatori ad essere processati'',
ha detto Amina. ''La Tunisia e' uno stato civile e le sue
donne sono libere'', ha aggiunto fra gli applausi dei suoi
sostenitori. (fonte AFP).
red-uda/

Via: asca.it


Short link: [Facebook] [Twitter] [Email] Copy - http://whoel.se/~1gjmY$3j2

This entry was posted in IT and tagged on by .

About FEMEN

The mission of the "FEMEN" movement is to create the most favourable conditions for the young women to join up into a social group with the general idea of the mutual support and social responsibility, helping to reveal the talents of each member of the movement.

Leave a Reply