Femen, Amina:mi hanno sequestrata


Femen, Amina:mi hanno sequestrata

Femen, Amina:mi hanno sequestrata

foto Sito ufficiale

Correlati

  • guarda il videoguarda il videoAmina: "Sequestrata da alcuni parenti"
  • Amina compare in tv: "Devo lasciare la Tunisia"
  • Femen, Amina:mi hanno sequestrataFemen in topless per Amina
  • Femen, Amina:mi hanno sequestrataProtesta in topless, condannata a morte

16:40 - "Sono stata sequestrata da alcuni parenti, ma continuerò la protesta". E' quanto detto da Amina Tyler, la ragazza tunisina che, dopo per avere pubblicato alcune sue foto in topless per difendere la libertà delle donne nel suo Paese, è stata oggetto di violente critiche e minacce. L'attivista delle Femen ha inoltre raccontato di "essere stata sottoposta ad un lavaggio del cervello, anche da parte di un imam, per impedirle di ripetere il suo gesto".In un'intervista rilasciata via Skype al sito Femen.org, Amina ha raccontato di essere stata rapita nei giorni successivi alla sua protesta su Facebook, mentre si trovava con alcuni amici, da alcuni parenti (uno zio ed un cugino) che l'hanno caricata a forza su una autovettura e, dopo averle preso il telefono cellulare e spezzato la carta Sim, l'hanno portata nell'abitazione di una zia. Qui, ha detto, sono stata picchiata e ho incontrato trecento persone che hanno cercato di convincermi che avevo sbagliato e che dovevo leggere il Corano. Poi, ha aggiunto, mi portavano tutti i giorni da un imam che mi parlava della religione.

La seconda tappa, ha riferito ancora Amina, è stato un villaggio dove sono rimasta sequestrata per due settimane. "Ho anche provato a fuggire - ha spiegato -, cercando di farmi prendere in macchina da qualche automobilista di passaggio, ma nessuno mi ha riconosciuto e per questo venivo subito dopo ripresa (da coloro che l'avevano sequestrata, ndr)". "Mi hanno dato forti dosi di medicinali - ha quindi spiegato - per farmi dormire per tutto il giorno". Amina ha anche detto che le dichiarazioni rese a Canal+ (contro le Femen, perché le attiviste hanno bruciato una bandiera salafita, e per rivelare la sua intenzione di lasciare la Tunisia) erano state "forzate".

Nonostante la dura esperienza, la ragazza ha sostenuto: "Non lascerò la Tunisia prima di fare una nuova protesta in topless", assicurando che continuerà la sua battaglia per i diritti delle donne. Ora Amina, una volta fuggita da casa sua, si trova in un luogo segreto. "La mia famiglia ha già cominciato a cercarmi", ha detto la giovane. La madre ha raccontato che la ragazza si è allontanata da casa di nascosto venerdì e di non avere più notizie di lei da quel giorno.

Fonte Tgcom




Via: notiziarioitaliano.it


Short link: [Facebook] [Twitter] [Email] Copy - http://whoel.se/~i239D$2e5

This entry was posted in IT and tagged on by .

About FEMEN

The mission of the "FEMEN" movement is to create the most favourable conditions for the young women to join up into a social group with the general idea of the mutual support and social responsibility, helping to reveal the talents of each member of the movement.

Leave a Reply