Ultime della notte/ IRRUZIONE A SENO NUDO DI "FEMEN" A CHIAMBRETTI …

Domenica 26 Febbraio 2012Femen da Chiambretti 300x222 250x185 Ultime della notte/ ESIBIZIONE A SENO NUDO DI FEMEN A CHIAMBRETTI SUNDAY SHOW: ARRESTI IN DIRETTA, MA ERA TUTTO PREPARATO! (Guarda i video)Femen da Chiambretti 300x2221 250x185 Ultime della notte/ ESIBIZIONE A SENO NUDO DI FEMEN A CHIAMBRETTI SUNDAY SHOW: ARRESTI IN DIRETTA, MA ERA TUTTO PREPARATO! (Guarda i video)

Chiambretti Sunday Show:

21:31: Inizio Trasmissione. Gag del Mago Forest. Momento fotografa sexy. Introduzione nuovo argomento: settimana della moda. RVM sulle Femen che hanno manifestato sere fa in via Montenapoleone a Milano.

Video:

httpv://video.tiscali.it/canali/News/Esteri/64757.html

Le manifestanti entrano in studio: “Noi siamo contro l’industria della moda perché oggi le grandi marche guadagnano sulle giovani ragazze facendole diventare vittime della moda… l’80% di quelle ragazze che voglio diventare modelle diventano vittime della moda… Le donne non sono merce, non sono schiave… La bellezza salverà il mondo. d’accordo. Ma la bellezza deve manifestare contro questo genere di cose… Noi amiamo gli uomini che ci amano così come siamo, che non rilegano in cucina e che ci supportano nelle nostre battaglie…“.

Video

A questo punto un gruppo di ragazze aderenti al movimento si sono mostrate a seno nudo e sono intervenuti dei finanzieri che erano presenti nello studio, bloccando la trasmissione per portare via la contestatrici, momenti di alta tensione, Piero Chiambretti rivolgendosi ai militari ha detto: “Ma è solo una protesta, in fondo! Non è mai accaduto nella storia della televisione”. Poi, dopo diversi minuti di “panico”, la rivelazione: si trattava di uno scherzo, tutto organizzato. Vero o falso? Chiambretti ci ha abituati a tutto, le tre bellissime attiviste hanno mostrato le proprie grazie sulla passerella, al grido di “Fashion fascism”, protestando contro la moda e il suo establishment. Da Chiambretti, le 3 grazie dell’est, entrando ripetono la performance fuori luogo della sfilata di Milano, mostrando i seni nudi, gridando e inveendo contro le telecamere.
Ad interrompere un’intervista abbastanza inutile tra il piccolo diavolo Chiambretti, Selvaggia Lucarelli (che ne ha cantate loro quattro) e le Femen interviene improvvisamente la guardia di finanza che – tra il caos generale – si porta via le attiviste ucraine con l’accusa di aver interrotto le sfilate di stamattina. Il presentatore, in preda al panico manda la pubblicità.
Al rientro per una buona decina di minuti non si riesce a capire bene se l’arresto fosse vero o fosse fasullo, sta il fatto che anche su twitter, i telespettatori non lo hanno capito. La trasmissione continua, con il direttore di rete Tiraboschi che si aggira per gli studi tra lo stupore generale, ma ad un certo punto – attraverso una ‘breaking news” – le telecamere volano dietro le quinte, dove nei camerini si spiega alle Femen ed alle ospiti in studio che sono stati vittime di uno scherzo.

Chiambretti l’ha fatta sotto il naso ai suoi telespettatori, ma soprattutto alle ignare belle attiviste, che avevano fatto le disobbedienti spogliandosi davanti alle telecamere. Nonostante tutto, la mossa delle riprese durante l’arresto lasciava presagire fosse una bufala, ben riuscita, ma una bufala. FEMEN (in ucraino: Фемен) è un movimento di protesta ucraino fondato a Kyiv nel 2008. Il movimento divenne famoso su scala internazionale per la pratica di manifestare in topless contro il turismo sessuale, il sessismo e altre discriminazioni sociali. Alcuni degli obiettivi dell’organizzazione sono “di incrementare le capacità intellettuali e morali delle giovani donne in Ucraina” e ” di ricostruire l’immagine dell’Ucraina, un paese dalle ricche opportunità per le donne”. Già dall’aprile del 2010 l’organizzazione sta stimando l’idea di diventare un vero partito politico per partecipare attivamente alle prossime elezioni parlamentari.
L’organizzazione
Studentesse universitarie tra 18 e 20 anni formano la colonna portante del movimento. A Kyiv, ci sono circa 300 attive manifestanti che fanno capo al movimento. Non mancano gli uomini altresì interessati alla causa e attivamente coinvolti. Alle manifestazioni del gruppo partecipano circa 20 volontarie in topless insieme agli oltre 300 membri completamente vestiti. La maggior parte delle manifestazioni è svolta a Kyiv, ma FEMEN ha anche manifestato in altre città quali Odessa, Dnipropetrovsk e Zaporizhia e Milano.
L’obiettivo del movimento è di “smuovere le donne in Ucraina, rendendole socialmente attive; di organizzare entro il 2017 una rivoluzione femministaFEMEN giustifica i suoi metodi provocatori affermando “che è l’unico modo per essere ascoltati in questo paese. Se avessimo manifestato con il solo ausilio di cartelloni le nostre richieste non sarebbero state nemmeno notate” L’organizzazione pianifica di diventare il più grande ed il più influente movimento femminista in Europa.
Alcuni membri rivendicano che a causa del loro coinvolgimento in FEMEN si sono sentiti alienati dalle loro famiglie perché considerati pornografici. FEMEN riceve piccoli aiuti finanziari completamente volontari da persone comuni (tra cui, ad esempio, DJ Hell). Facebook inizialmente cancellò la pagina di FEMEN in quanto fu accusata di pornografia. Da questo nacque il gruppo di sostegno “FIST: Femen International Support Team”.
Nell’aprile del 2011 l’organizzazione annuncia la realizzazione di punti di riferimento oltre confine a Varsavia, Zurigo, Roma, Tel Aviv, Rio de Janeiro. L’annuncio comprendeva inoltre che FEMEN era stata soggetta ad intimidazioni da parte dei Servizi Segreti dell’Ucraina dopo l’elezione del presidente Viktor Yanukovych nel 2010.

Giancarlo Padula

 

(Tra le fonti: lavika.it)

 

Tags: FEMEN CHIAMBRETTI ARRESTO IN DIRETTA, Sherzo femen al Chiambretti Sunday

Open all references in tabs: [1 - 4]

Via: ternimagazine.it


Short link: [Facebook] [Twitter] [Email] Copy - http://whoel.se/~hH46T$bJ

This entry was posted in IT and tagged on by .

About FEMEN

The mission of the "FEMEN" movement is to create the most favourable conditions for the young women to join up into a social group with the general idea of the mutual support and social responsibility, helping to reveal the talents of each member of the movement.

Leave a Reply